Facebook   Dossier sul delitto di GarlascoLast Update: 10/25/2014 11:50 PM
Author
Print | Email Notification    
*******
OFFLINE
Post: 16,819
Gender: Male
Admin
8/1/2011 10:06 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Garlasco, i genitori di Chiara: «L’appello ci regala speranza»

Come ogni sabato, Giuseppe e Rita Poggi ieri erano davanti alla tomba della figlia a Pieve Albignola Il 13 agosto sarà il quarto anniversario dell’omicidio: «Il dolore non si è attenuato, vogliamo la verità»


«Sapere finalmente la data dell’appello è quasi un regalo per il quarto anniversario della morte di Chiara: un’altra opportunità per arrivare alla verità su chi ha ucciso nostra figlia». Come ogni sabato da quattro anni, i genitori di Chiara Poggi ieri erano al cimitero di Pieve Albignola, dove riposa la ragazza assassinata a 26 anni, il 13 agosto 2007, nella sua casa di Garlasco.

Unico imputato per il delitto resta l’allora fidanzato Alberto Stasi, assolto in primo grado. A oltre un anno e mezzo da quella sentenza – emessa il 17 dicembre 2009 – è stato deciso quando inizierà il processo d’appello contro Alberto, chiesto dalla procura ma anche dai Poggi che sono convinti della sua colpevolezza. Si torna in aula l’8 novembre prossimo, a Milano. I Poggi ci saranno, insieme all’altro figlio Marco, 23 anni, come hanno fatto per tutte le 23 udienze del processo di primo grado. «Tornare in un tribunale, sentir rievocare quei fatti, rivedere Alberto non ci spaventa», diconi Rita e Giuseppe Poggi, davanti alla tomba di Chiara. La cappella di famiglia è sempre piena di fiori, bianchi o rosa soprattutto, piccoli pupazzi e farfalle colorate, diventate il simbolo di una ragazza dai grandi occhi azzurri, volata via troppo presto dalla sua vita terrena. Il suo sorriso resta nelle foto incorniciate su una mensola della cappellina che ogni sabato i genitori vengono a riordinare. «Anche perché, adesso è questa la casa di nostra figlia». I modi gentili sono quelli di sempre, raccontando che «assistere a un altro processo non è niente, in fondo. Nulla ci spaventa più dopo quel giorno, quando ci hanno detto che Chiara era morta». I genitori e il fratello erano in vacanza in Trentino. Chiara era rimasta a casa per stare con il fidanzato. Sono passati quattro anni da quel 13 agosto, un lunedì afoso e con qualche nuvola, «ma il dolore e il senso di vuoto sono sempre gli stessi - spiegano i Poggi – Capita ancora di svegliarsi la notte con il cuore in gola e mettersi a pensare che lei non c’è più. Ci si abitua a un po’ ogni giorno a sopportare, niente di più».

Il processo di primo grado è durato nove mesi: 23 udienze a porte chiuse davanti a un giudice unico. In aula solo i Poggi, Alberto Stasi, i pubblici ministeri e gli avvocati, periti e testimoni. Per il processo di appello, ci sarà un collegio di otto giudici: le porte dell’aula, salvo diversa disposizione, saranno aperte a pubblico e giornalisti. «E’ l’ultima cosa che ci preoccupa», commentano Rita e Giuseppe, pensando ai media che torneranno a parlare del delitto Poggi. L’attenzione in realtà non si è mai spenta, perché al momento resta un omicidio senza colpevole. Il nuovo processo potrebbe finire in poche udienze – entro dicembre o gennaio 2012 – se la corte non concederà la riapertura del dibattimento e si valuterà quindi solo sugli atti esistenti. Ma se saranno disposte nuove perizie, e verranno sentirti altri testimoni, i tempi potrebbero dilatarsi anche fino all’estate 2012. «In ogni caso, siamo pronti. Quello che conta è avere giustizia».

Anna Mangiarotti

laprovinciapavese.gelocal.it



"Se vuoi realizzare i tuoi più grandi sogni devi essere pronto ad affrontare i tuoi peggiori incubi"

"A meno che uno come te non ci tenga molto, niente andrà meglio o sarà risolto!"
*******
OFFLINE
Post: 16,819
Gender: Male
Admin
10/29/2011 2:21 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Giallo di Garlasco: "Altri due esami". La Procura si prepara alla guerra fra perizie

Nuovi testimoni, una nuo­va perizia sulla camminata e una sul computer.
Per l'omicidio di Garlasco la pubblica accusa cerca una decisione opposta a quella arrivata, nel processo di Pe­rugia, per l'americana Ama­nada Knox e Raffaele Solleci­to, condannati in primo gra­do e assolti in Appello, con formula piena.
Insomma, Alberto Stasi as­solto in primo grado per la Procura dovrebbe essere con­dannato in Appello nel pro­cesso che comincerà l'8 no­vembre prossimo e si dovreb­be svolgere a porte chiuse essendo stato il primo grado celebrato in forma camerale davanti al Gup Stefano Vitel­li.
Per il sostituto procuratore generale Laura Barbaini, do­vrà esserci una riapertura del dibattimento per disporre una nuova perizia volta a ri­costruire i percorsi dell'im­putato e accertare la possibi­lità dello stesso di sporcarsi le scarpe col sangue della vit­tima. Necessari anche esami sul suo computer per rico­struire i tempi degli accessi al sistema informatico la sera precedente e la mattina dell'omicidio di Chiara Pog­gi avvenuto il 13agosto 2007 nella sua villetta a Garlasco.
Secondo il sostituto procura­tore, dovrebbero anche esse­re citati altri testimoni il cui ascolto sarebbe invece inuti­le per l'avvocato Angelo Giarda che, insieme ai colle­ghi Giulio e Giuseppe Colli, difende l'imputato.

www.cronacaqui.it



"Se vuoi realizzare i tuoi più grandi sogni devi essere pronto ad affrontare i tuoi peggiori incubi"

"A meno che uno come te non ci tenga molto, niente andrà meglio o sarà risolto!"
*******
OFFLINE
Post: 16,819
Gender: Male
Admin
11/7/2011 2:51 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Delitto di Garlasco, Alberto Stasi torna in aula: al via domani il processo d'appello

Sono passati quasi due anni dalla fine del processo di primo grado per l’omicidio di Chiara Poggi, uccisa il 13 agosto 2007 nella sua villetta di Garlasco, che ha visto assolvere con formula dubitativa il giovane Alberto Stasi, fidanzato della vittima ed unico imputato per quel delitto.

Domani si torna in aula, davanti alla Corte d’Assise d’Appello di Milano, per il secondo grado di giudizio e si torneranno ad analizzare i tanti dubbi e misteri che caratterizzano questo caso ancora irrisolto.

La pubblica accusa, il procuratore generale Laura Barbarini, ha già chiesto tre nuove perizie - sugli eventuali percorsi di Stasi all’interno della villetta, sulle scarpe del giovane e sul suo computer - e un secondo ascolto in aula della telefonata con cui Stasi diede l’allarme al 118.

E ancora altre analisi: sul capello biondo e corto ritrovato in mezzo alla ciocca scura che la giovane donna stringeva tra le dita e sul materiale rivenuto sotto le sue unghie; sul martello trovato in casa Stasi e compatibile con le ferite sul cranio della ragazza e sulla bici nera da donna che Alberto aveva ma che, a differenza di quella bordeaux sui cui pedali sono stare trovate tracce di Dna della sua fidanzata, non è mai stata sequestrata.

Questa volta a giudicare Alberto Stasi, accusato di omicidio volontario aggravato dalla crudeltà, ci saranno otto giudici, due ‘togati’ - Anna Conforti e Fabio Tucci - e sei ‘popolari’. In aula ci saranno anche i genitori di Chiara, Rita e Giuseppe Poggi, che sperano di vedere condannato l’assassino della figlia, chiunque esso sia:

Io sarò in aula a Milano ogni giorno, seguirò ogni udienza, tutto il processo. Con mio marito e mio figlio. Come abbiamo sempre fatto sin dal primo giorno. Io la speranza che qualcuno mi dica chi e perchè abbia ucciso mia figlia ce l’ho sempre. Ho fiducia nella giustizia, nei giudici e nei carabinieri. Ce l’ho sempre avuta e non smetto di averla nemmeno adesso che sono passati quattro anni. Io non smetto di sperare. Io sono la mamma, Chiara era mia figlia.

Daniele Particelli

www.crimeblog.it



"Se vuoi realizzare i tuoi più grandi sogni devi essere pronto ad affrontare i tuoi peggiori incubi"

"A meno che uno come te non ci tenga molto, niente andrà meglio o sarà risolto!"
*******
OFFLINE
Post: 9
Gender: Male
11/8/2011 1:19 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Io sono passato in via Pascoli e mi ha colpito come fosse una bella villetta in un vicolo cieco che dà direttamente sulle risaie. Ho pensato subito ad un tentato furto in casa (magari sapendo dei genitori in vacanza) finito male piuttosto che ad un omicidio "passionale" in una coppietta.
Certo se fosse vera la mia ipotesi sarebbe strano non aver trovato nessuna prova.

ps se volete vedere la posizione della casa eccola:
g.co/maps/w3b6k
pps se guardate con street view si vede il cartello "via Pascoli", non so perchè ci sia scritto via Luini sulla cartina.
*******
OFFLINE
Post: 2,155
Location: MILANO
Age: 36
Gender: Male
11/8/2011 11:33 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Ciao DeMario, se vai alla quarta pagina trovi alcuni miei pareri che portano a Stasi.
In più aggiungo che nel bagno sono state trovate solo impronte del ragazzo oltre a quelle dei familiari di Chiara Poggi.

cronacaeattualita.blogosfere.it/2007/10/garlasco-nel-bagno-di-chiara-solo-impronte-di-alberto-stasi-ma-non-e-cosi-str...

E come si capisce da qui

www.detcrime.com/GARLASCO%20killer%20AIC%20CP.pdf

l'assassino ha usato i servizi.

I pm vigevanesi, nelle 158 pagine dei loro motivi d’appello, sostengono che Chiara Poggi potrebbe essere stata uccisa nella fascia oraria compresa fra le 9.10 e le 9.35, prima che Stasi apra il computer per lavorare alla tesi di laurea, o nell’ultima parte della mattinata, dopo che, alle 12.20, il giovane ha interrotto la stesura. Le ragioni dell’omicidio affondano nella «dinamica di coppia», negli aspetti più intimi «non trascurando la propensione maniacale di Stasi per la pornografia e la sua ossessiva sensibilità per il tema della sessualità».

www.ilgiorno.it/pavia/cronaca/2011/11/05/613903-ossessio...

Inutile dire che la sentenza si giocherà tutta sulle perizie e controperizie che nel processo di Perugia stranamente non hanno concesso di fare.
E' rilevante che Stasi verrà giudicato da una giuria di 8 giudici di cui 2 togati e non da un GUP alle prime armi.
Se venisse condannato chiederei qualche spiegazione al mitico Vitelli che ha permesso ai media di fare di se stesso una star, qui lo vediamo in una sua performance.

laprovinciapavese.gelocal.it/cronaca/2011/11/01/news/il-giudice-vitelli-alla-maratona-di-new-york-1...
*******
OFFLINE
Post: 16,819
Gender: Male
Admin
11/8/2011 12:34 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Il sempre ottimo UniMarconcino. [SM=g1944725]
Prossime udienze: 22, 24, 25 novembre e 6 dicembre, giorno probabilmente della camera di consiglio.



"Se vuoi realizzare i tuoi più grandi sogni devi essere pronto ad affrontare i tuoi peggiori incubi"

"A meno che uno come te non ci tenga molto, niente andrà meglio o sarà risolto!"
*******
OFFLINE
Post: 16,819
Gender: Male
Admin
11/8/2011 9:18 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Questo pomeriggio sono uscite le solite voci che sfortunatamente dobbiamo analizzare.
Ecco un articolo da Leggo.it.

Di nuovo in aula per il processo d'appello ad Alberto Stasi, accusato dell'omicidio di Chiara Poggi, la sua ex fidanzata, trovata morta nella sua abitazione di Garlasco. Stasi, assolto in primo grado, porterà alcune prove per motivare ancora una volta la sua innocenza e che Libero anticipa nell'edizione odierna. All'inizio si pensava che il materiale pornografico trovato sul computer del ragazzo potesse essere la causa scatenante del delitto, ma da una conversazione in chat dei due, si capisce come il sesso non fosse un tabù per i due e neanche l'esistenza di film porno sul pc di Stasi. Ecco la conversazione che risale al 17 settembre del 2006:

Lei: “Tato, cosa fai oggi?”.
Alberto: “Navigo un po’ in internet. Senti, Tata, posso scaricare qualche filmino pornografico? Mah… però non so se sia il caso visto che dobbiamo trasferire quasi 1 giga”.
Chiara: “Vedi tu Tato… Basta che non mi rallenti il trasferimento”.
Lui: “Appunto”.
Lei: “Ri-appunto”.

Nel pezzo si vuole far intendere che il movente sta crollando, in realtà proprio la conversazione via messenger potrebbe spiegare il perché la vittima aveva iniziato a indagare sull'ignobile fenomeno della pedofilia:

www.ilsecoloxix.it/p/italia/2009/10/06/AMibGFzC-articoli_riguardano_pedofi...



"Se vuoi realizzare i tuoi più grandi sogni devi essere pronto ad affrontare i tuoi peggiori incubi"

"A meno che uno come te non ci tenga molto, niente andrà meglio o sarà risolto!"
*******
OFFLINE
Post: 2,167
Gender: Female
11/9/2011 9:00 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

scusate l'ignoranza e magari la domanda banale che sto per fare.. ma io dico, se ne sono accorti ora che lui scaricava i filmini pornografici??? o pedopornografici??? non penso che hanno aspettato il processo d'appello per analizzare il pc.. perchè ieri ho visto anch'io lo stesso servizio in cui veniva riportata questa conversazione.. a parte che a me non piace questa nuova moda di sputtanare qualunque tipo di conversazione di chiunque, ma a parte questo, il servizio lasciava intendere che è un'analisi nuova che stanno conducendo come anche il discorso delle ciocche di capelli e via discorrendo.. ma se avevate tutti questi dubbi perchè il caso è stato chiuso?? e soprattutto ma le indagini preliminari non servono proprio a cercare le prove??? onestamente sono sempre più stupita a volte del modo in cui vengono condotte le indagini.. ma invece di cercarle dopo tre anni le prove, non è meglio farlo quando sono ancora lì che ti aspettano????



sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo!!
*******
OFFLINE
Post: 16,819
Gender: Male
Admin
11/9/2011 3:33 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

La questione sulla pedopornografia è stata analizzata ed è a tutt'oggi passata ai raggi X in un altro filone giudiziario, Carla... bravi gli avvocati di Stasi!
C'è stato un colpo di scena intorno al 31/8/09 (secondo post), la perizia precedente sul PC confermava (o almeno si avvicinava nel confermare) la versione del PM Rosa Muscio.
Per il resto c'è stata una grandissima confusione: c'è chi dice che Stasi sia addirittura "un fanatico dei bimbi stuprati" (ottavo post) e chi sostiene che le foto pedopornografiche erano pochissime se non addirittura assenti.
Come sempre i media non hanno aiutato.
Io insisto: o certe affermazioni si provano o alcuni giornalisti dovrebbero essere radiati dall'albo.
Comunque spiegatemi come fa un assassino che non sia "professionista" a non lasciare tracce... ci sono solo quelle di Stasi e, da quello che ho capito, impronte di una scarpa del numero del ragazzo. [SM=g1944851]
E' pur vero che sono stati fatti moltissimi errori in ambito di raccolta delle prove con tanto di persone non ben identificate scivolate sulle macchie di sangue che poi sono andate a pulirsi sullo zerbino (viva l'Italia?):

www.lastampa.it/redazione/cmsSezioni/cronache/200912articoli/50482gi...



"Se vuoi realizzare i tuoi più grandi sogni devi essere pronto ad affrontare i tuoi peggiori incubi"

"A meno che uno come te non ci tenga molto, niente andrà meglio o sarà risolto!"
*******
OFFLINE
Post: 2,155
Location: MILANO
Age: 36
Gender: Male
11/10/2011 3:25 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Esatto Davide, Stasi ha avuto dei signori avvocati perchè lui al contrario di quello che può sembrare non è stato affatto accorto.
Con un amico che studia criminologia e dopo aver leggiucchiato su dispense qualche rudimento di diritto alla Bocconi se sei indagato e incriminato per omicidio qualche precauzione la prendi, no?
No, lui ha detto che ha scavalcato la recinzione ma non hanno trovato tracce di una tale azione, ha perso un paio di scarpe che calzava in una foto fatta poco prima dell'omicidio, ha smarrito la macchina fotografica e una chiavetta USB richieste dagli inquirenti (è stato dato qualcosa che non ricordo molto tempo dopo), la sua bicicletta è stata lavata e rilavata e ancora c'erano tracce del sangue di Chiara Poggi.
Inoltre da quello che ho capito sul dispenser del sapone è stato trovato sangue della vittima con le sole impronte dei familiari e di Stasi.
Incalzato su cosa aveva scritto sulla tesi quella mattina non ha saputo rispondere (tentativo farsesco di copiaincolla sul luogo dell'omicidio o cosa?), durante il processo di primo grado si è laureato con 110 e lode in economia magistrale neanche fosse stato il fatto suo (voi ci riuscireste con l'amore della vostra vita morto e voi processati per l'omicidio?).
Sembra che Stasi avesse circa 70.000 file pornografici catalogati meticolosamente per genere, età e così via fra cui alcuni pedopornografici e foto scattate a ragazze e donne ignare (ne immortalava spesso i piedi).
L'articolo 192 c.p.p. prevede le cosidette prove indiziarie cioè fatti diversi dalle fattispecie che costituiscono reato ma mediante i quali è possibile risalire al reato vero e proprio, complimenti al giudice star Vitelli, spero di leggerlo ancora alla prossima maratona! Sarebbe bello che ne facesse una in una qualsiasi facoltà di giurisprudenza per riprendere gli studi da capo.
Chiudo dicendo che secondo me le perizie sono in gran parte sbagliate e che sono convinto che tutto ruoti attorno a quel maledetto allarme che è stato inserito e disinserito in continuazione la sera prima dell'omicidio.
*******
OFFLINE
Post: 16,819
Gender: Male
Admin
11/11/2011 10:32 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Ho trovato questo documento:

www.in-formazione-psicologia.com/Brugnoli-2010%5B1%5D.pdf

Ci si legge presto per eventuali commenti e/o aggiornamenti.



"Se vuoi realizzare i tuoi più grandi sogni devi essere pronto ad affrontare i tuoi peggiori incubi"

"A meno che uno come te non ci tenga molto, niente andrà meglio o sarà risolto!"
*******
OFFLINE
Post: 1,388
Location: VERONA
Age: 33
Gender: Male
11/11/2011 4:37 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Paragrafo 4.6: scioccante che il corpo non sia stato pesato durante l'autopsia. Il medico legale si è giustificato dicendo che presso l'obitorio di Vigevano non c'era una pesa!!!!!!!!!! L'avvocato che ha detto che poteva essere richiesta a un qualunque reparto dell'ospedale si chiama Giuseppe Colli, uno dei quattro legali di Stasi nel processo di primo grado.
Paragrafo 5.1: c'è tutta la storia dell'antifurto con una considerazione molto interessante della mamma di Chiara Poggi, viene confermato anche un dubbio che ho da sempre e cioè che l'allarme non era stato inserito e disinserito ripetutamente nei giorni precedenti, quindi quella notte dev'essere successo qualcosa.

P.S. Quindi Stasi è 1.76? Lo credevo più basso.
*******
OFFLINE
Post: 16,819
Gender: Male
Admin
11/13/2011 11:46 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

UniMarconcino, 10/11/2011 15.25:

Sembra che Stasi avesse circa 70.000 file pornografici catalogati meticolosamente per genere, età e così via fra cui alcuni pedopornografici e foto scattate a ragazze e donne ignare (ne immortalava spesso i piedi).


A pagina 25 del succitato PDF si parla di 7064 immagini, 142 filmati a sfondo pornografico più 21 immagini e 7 filmati pedopornografici.
Ci sono anche i file della memoria esterna: 10000 foto in parte coincidenti con quelle sulla memoria del PC.
Tenendo altresì conto di quelle cancellate e recuperate dai RIS ci sarebbero 32000 foto "a sfondo pornografico" (anche se io non le definirei proprio così).
Non entro nel merito della catalogazione cartella per cartella altrimenti scendiamo troppo nel chiacchiericcio gossipparo.



"Se vuoi realizzare i tuoi più grandi sogni devi essere pronto ad affrontare i tuoi peggiori incubi"

"A meno che uno come te non ci tenga molto, niente andrà meglio o sarà risolto!"
*******
OFFLINE
Post: 2,155
Location: MILANO
Age: 36
Gender: Male
11/15/2011 9:43 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

*******
OFFLINE
Post: 2,155
Location: MILANO
Age: 36
Gender: Male
11/19/2011 6:28 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Precedo eventuali risposte perchè ho appena finito di leggere un articolo che mi ha sconcertato! Non solo Stasi non è riuscito a spiegare le numerose contraddizioni della sua versione (infatti è stato prosciolto in base al secondo comma dell'art. 530 c.p.p.), ma è diventato pure spocchioso e sprezzante dell'iter giudiziario (l'appello che era inevitabile).
Copiaincollo alcune sue considerazioni che risalgono al 5/6 novembre.

- "Purtroppo, sia la Procura di Milano sia quella di Vigevano e anche la parte civile non hanno voluto credermi. E nonostante l’assoluzione hanno impugnato. Io, però, voglio continuare a essere sereno, perché non ho ucciso Chiara e non si potrà provare il contrario. Spero che anche questo Tribunale prenda atto che l’assassino di Chiara non sono io. Sono sempre stato fiducioso, anche il giorno in cui sono entrato in cella, ho pensato subito che sarei uscito subito perché non avevo fatto quello di cui mi accusavano. Così è stato. Il primo processo ha dimostrato la mia innocenza. Nel secondo non potrà che essere la stessa cosa"

- "Faccio il commercialista, anche se mio malgrado sono diventato esperto di diritto"

A parte che il diritto non è certo un processo (condotto malissimo) davanti a un GUP alle prime armi, stare zitto per evitare di fare la figura del menefreghista nei confronti della vittima proprio no, eh? Non ce l'ha fatta.
Leggo anche a bocca aperta che per la pedopornografia è stato prosciolto definitivamente perchè la procura di Vigevano ha dimenticato di impugnare il provvedimento del giudice del primo grado entro i termini di legge.
Adesso mi chiedo chi veramente è questo supereroe dalle scarpe idrorepellenti che riesce a sfuggire alla legge così facilmente.
Una curiosità: pare che si sia rifidanzato con una certa Serena Spalla che dovrebbe essere costei.

it.linkedin.com/pub/serena-spalla/5/737/96a

E' un'amica di vecchia data di Chiara Poggi, la somiglianza del viso fra le due è notevole.
*******
OFFLINE
Post: 16,819
Gender: Male
Admin
11/20/2011 6:56 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Diciamo che dalle sparate in privato è passato a quelle pubbliche, la sostanza non cambia.
Cito un articolo del 4/11/08.

Gli sms di Alberto: «Ciao micine»

«Ciccino mio ci vediamo domani» oppure «Gattino mio come stai senza di me» senza farsi mancare un bel «Musino mio». È un Alberto Stasi in formato playboy, anche se dai toni adolescenziali, quello che esce dai numerosi sms inviati alle due ragazze con cui il giovane aveva imbastito due relazioni contemporaneamente un paio di mesi dopo la morte di Chiara Poggi. Nei confronti della quale non ha mai una parola di pietà, un ricordo, una testimonianza d'affetto o nostalgia.
Da subito infatti il cellulare dell'unico indagato per la morte di Chiara Poggi è stato messo sotto controllo, registrando telefonate e sms poi finiti agli atti nella richiesta di rinvio a giudizio formulata ieri dal pm Rosa Muscio. Un «dettaglio» che non poteva certo sfuggire al ragazzo che difatti apriva tutte le sue conversazioni telefoniche con saluti di scherzo nei confronti dei carabinieri. «Buon giorno maresciallo, tutto bene?», oppure «Saluti ai nostri teleascoltatori» senza farsi mancare una citazione di Nunzio Filogamo: «Cari amici vicini e lontani».
E poi commenti sull'inchiesta con parole piuttosto pesanti nei confronti del magistrato, insultato sia a livello personale che professionale. Insulti anche per Gianluigi Tizzoni e Marzio Capra, avvocati e periti della famiglia Poggi. «Due esseri inqualificabili. Quel Capra poi un rompiballe e un presuntuoso, crede di trovare quello che gli altri non sono capaci di trovare». Parole in libertà, certo ma che ora potrebbero anche costargli una denuncia per diffamazione da parte degli interessati.
Ovviamente si proclama innocente, elogia i suoi avvocati, il professor Angelo Giarda e i fratelli Colli di Vigevano, così furbi da averlo già tirato fuori dal carcere ma adesso anche dal processo: «L'indagine a mio carico verrà archiviata, ne sono certo».
Ma quello che colpisce sono quegli sms vagamente adolescenziali scambiati con le due ragazze con cui sta flirtando conteporaneamente fin da ottobre. Le chiama «Micino», «Musino» e «Ciccina», mentre la fidanzata, la cui morte davanti alle telecamere gli aveva fatto versare caldi lacrimoni, è ormai un ricordo.


Enrico Silvestri

www.ilgiornale.it

Riguardo Serena Spalla, il padre di Stasi non aveva confermato le voci, ma stiamo parlando di due anni fa.
Comunque sia trattiamo su fatti concreti, è meglio. [SM=g2481282]



"Se vuoi realizzare i tuoi più grandi sogni devi essere pronto ad affrontare i tuoi peggiori incubi"

"A meno che uno come te non ci tenga molto, niente andrà meglio o sarà risolto!"
*******
OFFLINE
Post: 2,155
Location: MILANO
Age: 36
Gender: Male
11/20/2011 10:39 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Com'è possibile che una notizia così importante sia passata così inosservata? [SM=g2481073]
In pratica è un possibile movente! [SM=g1944715]
Comunque in questi giorni stavo pensando che spesso la soluzione di tanti misteri ha una risposta più semplice di quanto si possa credere.
Chiara Poggi è morta nel periodo in cui era in casa da sola.
Possiamo pensare che sia stato un caso oppure che quell'essere sola abbia segnato il suo destino.
Abbiamo un ragazzo che ha molto da nascondere, 2 cugine che cercano la notorietà in tutti i modi, un collega della ragazza molto vicino e una cittadina di provincia fin troppo tranquilla fino a quel momento.
Tutte le persone nominate hanno un alibi, o no?
*******
OFFLINE
Post: 16,819
Gender: Male
Admin
11/22/2011 7:14 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Magari in futuro li analizzeremo meglio.
L'udienza sta continuando, ma posto comunque l'articolo parziale... voilà.

CHIESTI 30 ANNI DI CARCERE PER ALBERTO STASI. E SPUNTA SMS "SOSPETTO"

[IMG]http://i41.tinypic.com/2yxp0e0.jpg[/IMG]

Il sostituto procuratore generale Laura Barbaini ha chiesto di condannare a 30 anni di carcere Alberto Stasi imputato a Milano in appello per l'omicidio della sua fidanzata Chiara Poggi, uccisa il 13 agosto 2007 a Garlasco. In primo grado Stasi era stato assolto.
L'accusa ha ricostruito in aula quanto accaduto la mattina del 13 agosto 2007 fissando la morte di Chiara «tra le 9;12 e le 9;35». Se secondo il pg Barbaini non c'è un movente chiaro per il delitto, Alberto resta l'unico assassino 'possibile' «perchè le indagini alternative non hanno portato a nulla». In questo momento sta parlando la parte civile.

SPUNTA SMS DI ALBERTO - Il sostituto procuratore generale Laura Barbaini nel corso della sua requisitoria ha evidenziato un sms, di cui non si era mai parlato finora, che Alberto Stasi, imputato in secondo grado a Milano per l'omicidio di Sara Poggi, avrebbe mandato circa 30 ore prima del delitto della sua fidanzata all'amico Marco Panzarasa che si trovava al mare in Liguria. Il pg nell'evidenziare l'esistenza di questo sms spuntato nei tabulati telefonici ha spiegato alla Corte d'assise d'appello che non si riesce a capire il suo contenuto in quanto è stato cancellato sia sul cellulare del mittente, sia su quello del destinatario. Per la pubblica accusa questo sms significherebbe che Stasi nella notte tra l'11 e il 12 agosto 2007 aveva segnalato all'amico «un'emergenza».

"NON C'E' MOVENTE" - «Rimane fermo che non c'è il movente». È questo uno dei passaggi trapelati della requisitoria del sostituto procuratore generale Laura Barbaini al processo d'appello che si sta tenendo a Milano a porte chiuse nei confronti di Alberto Stasi imputato di omicidio della sua fidanzata Chiara Poggi e che è stato assolto in primo grado. Il pg sta parlando da circa quattro ore e mezza e, nel fare sua ricostruzione, ha collocato il delitto tra le 9.12 e le 9.35 della mattina del 13 agosto 2007. Alberto Stasi, presente in aula, sta prendendo appunti.

"HA AGITO CON CRUDELTÀ" - Il sostituto procuratore Laura Barbaini, oltre ai 30 anni di carcere per Alberto Stasi imputato per l'omicidio di Chiara Poggi, ha chiesto ai giudici della seconda Corte d'Assise d'Appello di Milano di contestare l'aggravante della crudeltà.

www.leggo.it



"Se vuoi realizzare i tuoi più grandi sogni devi essere pronto ad affrontare i tuoi peggiori incubi"

"A meno che uno come te non ci tenga molto, niente andrà meglio o sarà risolto!"
*******
OFFLINE
Post: 2,155
Location: MILANO
Age: 36
Gender: Male
11/23/2011 12:16 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Chissà perchè ormai Stasi viene fotografato solo quando ride o fa un ghigno. [SM=g1944739]
Comunque ho nominato proprio Marco Panzarasa qualche giorno fa e a questo punto vi faccio una domanda: perchè con Panzarasa Stasi faceva 10/15 telefonate al giorno e con la sua ragazza si limitava agli squilli e a qualche sporadico sms?
Vi ricordo che con lui era anche andato in vacanza studio a Londra ed era stato raggiunto da Chiara Poggi poco tempo prima dell'omicidio.
*******
OFFLINE
Post: 1,388
Location: VERONA
Age: 33
Gender: Male
11/23/2011 8:47 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Aspetta un attimo però, non possiamo dimostrare che fra i due c'erano tutte queste telefonate perchè se fosse vero ci sarebbe veramente da preoccuparsi.
Anch'io come tutti ho avuto un migliore amico ma se andava bene una telefonata di pomeriggio a dire tre c....e e via.

- Dove è stata pubblicata sta cosa?

- Si può dimostrare che è vera?

- Vi sembra serietà da parte dell'accusa dire che non c'è un movente e parlare di un fantomatico SMS perso?????????

Sicuramente perderanno la causa, altrochè SMS perso! [SM=g1944682]
New Thread
 | 
Reply
Cerca nel forum

Home Forum | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.4.0] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 11:47 AM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2014 FreeForumZone snc - www.freeforumzone.com